Polo formativo, produttivo e di accoglienza di Lama di Reno

Il Polo formativo, produttivo e di accoglienza di Lama di Reno (frazione di Marzabotto, comune dell’area metropolitana di Bologna) nasce dalla collaborazione tra Lai-momo soc. coop. e l’Ethical Fashion Initiative dell’International Trade Centre, programma delle Nazioni Unite volto alla promozione di un’industria della moda più equa.

Il Polo formativo, produttivo e di accoglienza di Lama di Reno rappresenta una realtà unica e sperimentale, essendo sede di:

  • un Centro di accoglienza straordinaria (CAS) per richiedenti asilo, gestito dalla cooperativa sociale Lai-momo per conto della Prefettura di Bologna;
  • un progetto di formazione laboratoriale nel settore della pelletteria e della sartoria e uno di formazione in gestione di piccola impresa, realizzato in collaborazione con il programma Ethical Fashion Initiative e finanziato dal Trust Fund per l’Africa della Commissione europea nell’ambito del progetto “Creazione di lavoro e sviluppo sostenibile di micro-imprese attraverso la gestione delle catene di valore di moda etica, lifestyle e design di interni in Burkina Faso e Mali”;
  • Cartiera, una start-up di impresa sociale creata nel luglio del 2017 e cooperativa sociale da maggio 2018, attiva nella produzione di accessori in pelle e tessuto.

Le tre realtà lavorano in sinergia coniugando attività di accoglienza e formazione con percorsi di integrazione sociale e lavorativa, ponendo una particolare attenzione al tessuto comunitario locale.

Tutte le iniziative del Polo si propongono di coinvolgere cittadini residenti, organizzazioni non profit, imprese, associazioni di categoria e istituzioni pubbliche. Nel 2016, i due eventi di inaugurazione della struttura sono stati organizzati alla presenza di rappresentanti delle Nazioni Unite, dell’Unione europea, della comunità locale e di importanti imprese italiane e internazionali. Il progetto si pone infatti l’obiettivo di mettere a sistema i temi del lavoro e dell’immigrazione su un’area colpita dalla dismissione industriale e dallo spopolamento.

sito web: www.coopcartiera.it

Foto di Francesco Guidicini