Dalla pelletteria alla gestione d’impresa. Al via i corsi di formazione per richiedenti asilo a Bologna e Lama di Reno

Sfoglia la gallery:

  • 1.jpg
  • 2.jpg
  • 3.jpg
  • 4.jpg
  • 5.jpg

 

Da novembre, 18 richiedenti asilo stanno imparando a misurare, tagliare, incollare, cucire stoffe e pelli per confezionare prodotti di pelletteria; un’altra classe sta studiando i rudimenti di contabilità, management del settore moda, normativa fiscale e calcolo dei costi di produzione. Questa opportunità di acquisire competenze tecniche, utili all’inserimento nel mercato del lavoro, in Italia o nel proprio Paese di origine, è garantita dal progetto “Creazione di lavoro e sviluppo sostenibile di micro-imprese attraverso la gestione delle catene di valore di moda etica, lifestyle e design di interni in Burkina Faso e Mali“, che vede la collaborazione tra ITC–EFI Ethical Fashion Initiative, programma delle Nazioni Unite che lavora per un’industria della moda più equa, e la cooperativa sociale Lai-momo. Un progetto che si sviluppa concretamente in due corsi di formazione, nel settore della pelletteria e della sartoria, presso il Polo formativo, produttivo e di accoglienza di Lama di Reno (Marzabotto), e nel management di piccola impresa, nella sede delle cooperative Abantu e Lai-momo, a Bologna.

A gennaio 2017 il programma EFI è risultato vincitore di un finanziamento all’interno del Trust Fund per l’Africa della Commissione Europea, per un progetto che si propone di sviluppare oltre 5.000 posti di lavoro tra il 2017 e il 2020 in Mali e Burkina Faso all’interno della filiera di lavorazione del cotone, già avviata dal programma stesso diversi anni fa. Inoltre, il progetto si propone di formare 250 migranti attualmente accolti in Italia, al fine di supportarne l’inserimento lavorativo nei Paesi di origine (Mali e Burkina Faso) o in Italia/Europa. 

Lai-momo coordina l’attuazione di quest’ultima parte di progetto: alla fine dell’estate sono iniziate le procedure di selezione tra i richiedenti asilo dell’area metropolitana di Bologna, potenzialmente interessati a prendere parte alla formazione. Le selezioni sono state articolate in più fasi e hanno tenuto conto della conoscenza della lingua italiana e delle materie afferenti ai contenuti dei corsi ma anche delle capacità relazionali e personali, nonché del livello di motivazione dei candidati.

Una volta terminate le selezioni e formate le classi, sono iniziate le lezioni sia in aula sia in laboratorio. Il corso presso il Polo di Lama di Reno, già sede di un precedente ciclo di formazione, è iniziato il 6 novembre e si concluderà a metà aprile 2018. Si tratta di un percorso finalizzato alla formazione di operatori nell’ambito della pelletteria con conoscenze sartoriali attraverso la pratica e la teoria: dallo studio degli strumenti e dei materiali di lavorazione, fino allo sviluppo di modelli sartoriali e di pelletteria, con l’acquisizione di tecniche di taglio, cucito e confezione grazie a maestri artigiani del made in Italy. Tra i 18 richiedenti asilo coinvolti, alcuni risiedono nello stesso CAS (Centro di Accoglienza Straordinario) di Lama di Reno, mentre altri alloggiano in strutture di accoglienza vicine. I partecipanti provengono da diversi Paesi: Pakistan, Mali, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Nigeria e Senegal.

Le lezioni del corso in gestione di piccola impresa sono iniziate a fine novembre e si concluderanno a maggio 2018. I contenuti riguardano elementi di base di amministrazione, di comunicazione e gestione d’impresa. Anche in questo caso la provenienza dei partecipanti è varia: i Paesi di origine sono Mali, Pakistan, Senegal, Costa d’Avorio, Nigeria, Guinea, Camerun, Liberia. I corsisti risiedono in varie strutture di accoglienza dell’area metropolitana di Bologna.

Sfoglia la gallery:

  • lama1.jpg
  • lama2.jpg
  • lama3.jpg
  • lama4.jpg
  • lama5.jpg

© Lai-momo

e-max.it: your social media marketing partner

laimomo.it utilizza cookie tecnici e terze parti (legati alla presenza di plugin social) per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie